MILLET TOUR DU RUTOR EXTREME 2018 - DAY 1 - Michele Boscacci & Davide Magnini strepitosi nella prima tappa

Il Millet Tour du Rutor Extrême parte nel segno di Michele Boscacci & Davide Magnini. Al femminile sigillo per Axelle Mollaret – Jennifer Fiechter. Vero spettacolo nell’unica tappa italiana 2018 di La Grande Course. Tappone da 2639m e 19km di sviluppo. Al via 704 concorrenti da 18 differenti nazioni.  Nei dettagli 300 équipe maschili, 22 femminili, 30 squadre giovani. Ad attenderli 3 giorni di gare, 7000m di dislivello positivo spalmati su 75 km di vero fuoripista.
 
Sempre al comando dal primo all’ultimo metro il duo Michele Boscacci – Davide Magnini ha tagliato il traguardo di Valgrisenche in 2h49’07” davanti ai francesi William Bon Mardion – Xavier Gachet -2h50’44”- e agli altri alpini Matteo Eydallin – Nadir Maguet -2h50’52-. Ai piedi del podio si sono piazzati Jakob Hermann – Filippo Barazzuol e Werner Marti – Martin Anthamatten.  
 
Molto più combattuta la sfida in rosa con la francese Axelle Mollaret e la svizzera Jennifer Fiechter prime in 3h31’05” tallonate a 1’03” dalle italiane Alba De Silvestro – Katia Tomatis. Terze in 3h42’34” Lorna Bonnel – Séverine Pont Combe. Bene anche Tatiana Locatelli – Corinna Ghirardi quarte e Martina De Silvestro – Martina Valmassoi quinte.
 
Tutti sulla vetta del Rutor con un tappone da 19 km e un dislivello positivo di 2639m spalmato su 3 importanti salite. Gara vera, extrême di nome e di fatto, anche per le categorie giovanili. A spuntarla in gara junior ci hanno pensato Julien Ancay e Arthur Blanc in 1h39-04”. Seconda piazza per i ragazzi di casa Sébastien Guichardaz – Fabien Guichardaz (1h44’44”), mentre terzi si sono piazzati Julien Bernaz – Ellmenreich Baptiste (1h45’39”). Nella classifica in rosa primo posto di tappa per Olesia Ronzon – Alessia Re  2h45’21”. Alle loro spalle Melissa Del Vincenzo e Elena Bulanti in 2h50’23”.
 
In gara cadetti gli svizzeri Leo Besson – Tobias Donnet hanno tagliato per primi il traguardo in 1h24’06” davanti agli italiani Matteo Sostizzo – Pietro Festini Purlan (1h25’19”) e al team franco svizzero di Antoine Marietta – Matteo favre (1h30’07”).